E’ meiu la mamma

cu perde la fiia

ca lu sule te marzu

cu se la piia

 

 

E’ preferibile che la mamma

perda la figlia

         che il sole di marzo

se la prenda

Il mese di marzo determina il passaggio dall’inverno alla primavera, però è il mese più incostante.
Ad un cielo terso e pulito si contrappone uno gonfio di nubi minacciose;
ora piove e poco dopo splende il sole;
l’aria è serena e a un batter di ciglia seguono lampi, tuoni, vento impetuoso e scrosci d’acqua.

 

 

 

 

Fonte:

Condividi su: